Inizia la nuova stagione invernale con nuove e importanti disposizioni. Infatti, le piste da sci acquisiscono un proprio codice comportamentale, con regole ferree da seguire. Si va dalla polizza assicurativa al casco, dai divieti di sosta alle precedenze, fino all’alcoltest. Con il nuovo anno per praticare lo sci bisognerà seguire alcune indicazioni e sottoscrivere una polizza assicurativa.

Dal 1° gennaio 2022, tutti colori che vorranno sciare e praticare sport invernali, dovranno stipulare un’assicurazione con responsabilità civile verso terzi ad hoc per coprire gli eventuali danni, causati a cose o persone, mentre svolgono l’attività sportiva a livello non professionale.

L’articolo 30 della legge recita: “Lo sciatore che utilizza le piste da sci alpino deve possedere una assicurazione in corso di validità che copra la propria responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi. È fatto obbligo in capo al gestore delle aree sciabili attrezzate, con esclusione di quelle riservate allo sci di fondo, di mettere a disposizione degli utenti, all’atto dell’acquisto del titolo di transito, una polizza assicurativa per la responsabilità civile per danni provocati alle persone o alle cose”.

L’assicurazione per responsabilità civile verso terzi garantisce una copertura per tutti gli eventuali danni, arrecati a persone o cose, dall’assicurato durante lo svolgimento dell’attività sportiva. Si tratta, nei fatti, di uno strumento essenziale considerando la frequenza con cui avvengono gli incidenti nelle piste da scii. In caso di mancato rispetto dell’obbligo la legge prevede sanzioni abbastanza severe.  Il decreto indica che in caso di mancato possesso dell’assicurazione, la multa amministrativa va da 100 a 150 euro oltre il ritiro dello skipass.

Scopriamo tutte le regole previste dalla nuova legge:

Per evitare sanzioni sulle piste ricordarsi che:

  • È obbligatorio il casco per i minori di 18 anni che si apprestano a salire sulle piste.
  • Non si può accedere alle piste dopo aver bevuto alcol o sotto l’effetto di droghe. Dall’1 gennaio entreranno in vigore gli accertamenti alcolemici e tossicologici. L’articolo 31 della legge recita: “È vietato sciare in stato di ebbrezza in conseguenza di uso di bevande alcoliche e di sostanze tossicologiche. Gli organi accertatori possono sottoporre gli sciatori ad accertamenti qualitativi” Nel caso in cui lo sciatore venga trovato positivo al test dell’alcol o di sostanze stupefacenti, le sanzioni andranno da 250 a 1.000 euro
  • Si deve rispettare i limiti di velocità, le segnaletiche e le prescrizioni di sicurezza esistenti. Come si legge nel decreto, lo sciatore dovrà inoltre “adeguare la propria andatura alle condizioni dell’attrezzatura utilizzata, alle caratteristiche tecniche della pista e alle condizioni di affollamento della medesima”
  • Fare attenzione alla modalità di in caso di sorpasso, non vietato, ma è necessario farlo in sicurezza, al fine di non arrecare danno a se stessi e agli altri sciatori. Come si legge nel decreto “Il sorpasso può essere effettuato sia a monte sia a valle, sulla destra o sulla sinistra, a una distanza tale da evitare intralci allo sciatore sorpassato” In caso di incidente con un altro o con altri sciatori esiste il concorso di colpa, dal momento che sulle piste da sci non esiste il diritto di precedenza. Quindi tutte le persone coinvolte saranno considerate parimenti colpevoli nell’aver prodotto eventuali danni ad altri.
  • Presente il divieto di sosta sulle piste. In presenza dei dossi, nei passaggi obbligati, o in luoghi con poca visibilità, lo sciatore può fermarsi solo ai bordi della pista.
  • È obbligatoria la polizza assicurativa con responsabilità civile. In caso di mancato possesso dell’assicurazione, è prevista una sanzioni amministrativa dal valore che va da 100 a 150 euro e il ritiro dello skipass.

 Godiamoci la nuova stagione invernale

Serve davvero un pizzico di buona volontà e un comportamento consapevole per evitare sanzioni e spiacevoli infortuni che oltre al dolore e ai disagi, ci impedirebbero di svolgere le nostre attività preferite. È sempre meglio stipulare una polizza adeguata che ci tuteli 365 giorni l’anno in ogni occasione, anche nel tempo libero.

Contatta un nostro agente. Richiedi informazioni