Ci sono delle situazioni nella nostra vita nelle quali non riusciamo a ragionare con tranquillità e logica: ci lasciamo sopraffare dalle emozioni e fatichiamo a sentirci al sicuro. Quando ci si trova coinvolti in un incidente stradale, per esempio, si ha sempre paura di sbagliare qualche documento, qualche termine e si teme di non seguire la procedura nel modo corretto.

Tu sai come comportarti in caso di sinistro? Sai i fogli da compilare, i numeri da chiamare e l’iter da seguire?

Vediamo insieme il procedimento spiegato dagli articoli 149 e 150 del codice delle assicurazioni private che hanno introdotto il risarcimento diretto.

Cosa prevedono gli articoli 149 e 150 del Codice delle assicurazioni private

Gli articoli 149 e 150 del codice delle assicurazioni private hanno stabilito che, in caso di sinistro NON causato da noi (o solo parzialmente causato da noi), sarà nostro compito rivolgerci direttamente alla nostra compagnia assicurativa, avviando così il risarcimento diretto.

Il risarcimento diretto, come spiega l’articolo 149 del codice delle assicurazioni private, riguarda “i danni al veicolo nonché i danni alle cose trasportate di proprietà dell’assicurato o del conducente. Essa si applica anche al danno alla persona subito dal conducente non responsabile se risulta contenuto nel limite previsto dall’articolo 139. La procedura non si applica ai sinistri che coinvolgono veicoli immatricolati all’estero ed al risarcimento del danno subito dal terzo trasportato come disciplinato dall’articolo 141.”

Cos’è il risarcimento diretto e come funziona

Il risarcimento diretto è il procedimento di rimborso del danno in caso di sinistro stradale.

Il risarcimento diretto è stato pensato principalmente a favore del danneggiato non responsabile (o solo parzialmente responsabile) dell’incidente, garantendogli un risarcimento diretto dalla propria compagnia assicurativa. In questo modo, il risarcimento diretto consente un’importante velocizzazione dell’intero processo.

È la Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto (C.A.R.D) che regola questa vantaggiosa modalità di liquidazione: il risarcimento diretto, tuttavia, è consentito solo agli assicurati la cui compagnia assicurativa fa parte dell’accordo.

Le Compagnie assicurative italiane sono obbligate per legge ad aderire alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto, mentre per le compagnie straniere rimane una scelta libera.

In che occasioni si può applicare il risarcimento diretto

Come stabilito dal codice delle assicurazioni private, il risarcimento diretto si applica:

  • Nel momento in cui due veicoli a motore chiaramente identificati sono entrati in collisione (non ci devono essere altri responsabili);
  • se l’incidente ha luogo in Italia, nella Repubblica di San Marino o nella Città del Vaticano;
  • se i veicoli coinvolti hanno sottoscritto un’assicurazione RC auto con compagnie italiane o con compagnie estere aderenti alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto.

Quando NON si può applicare il risarcimento diretto

I casi nei quali non si può applicare il risarcimento diretto sono:

  • Gli incidenti senza urto;
  • I sinistri con responsabilità anche parzialmente imputabile a un soggetto diverso dai due direttamente coinvolti;
  • incidenti avvenuti con un veicolo straniero (o non immatricolato in Italia) e incidenti avvenuti all’estero;
  • sinistri avvenuti con un ciclomotore senza la “nuova targa” (come stabilito dall’ex DPR 6 marzo 2006, n. 153);
  • incidenti con macchine agricole;
  • sinistri con urto tra diversi veicoli.

Quanto è necessario attendere per ricevere il rimborso

Il rimborso, purtroppo, non può essere immediato! Il procedimento tramite risarcimento diretto prevede i seguenti step:

  • la compagnia assicurativa è tenuta a proporre un’offerta al danneggiato oppure a negare il risarcimento dando una motivazione specifica (a seconda dei danni causati sono previste tempistiche diverse);
  • la compagnia assicurativa procede a effettuare il pagamento della somma offerta. Il pagamento dovrà essere effettuato entro e non oltre i 15 giorni successivi al ricevimento dell’accettazione dell’offerta. In caso di non accettazione o di una mancata risposta, la somma prevista verrà versata solamente all’eventuale liquidazione definitiva del danno.

UniposalSai Montichiari: sempre dalla tua parte

Ciascuno di noi vorrebbe che tutti i piani filassero sempre lisci, ma sappiamo bene che, purtroppo, non è così. Anche se alla guida dobbiamo sempre essere concentrati al massimo, è bene mettere in conto che gli incidenti accadono. Per questo dobbiamo assicurarci di scegliere i migliori per i nostri momenti peggiori!

UnipolSai Montichiari aderisce alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto: Grazie all’attenta selezione e formazione del personale, UnipolSai Montichiari è sempre al tuo fianco per accompagnarti con tranquillità e sicurezza nella gestione di incidenti.